Gallo Pinto

Buona parte del viaggiare significa anche provare nuovi sapori e una cucina completamente diversa a quella a cui siamo stati abituati come il Gallo Pinto, piatto tipico del Nicaragua.

Ci scrive questo post Simona, un’amica Italiana che come tanti altri amici al momento sta vivendo in Nicaragua…Buona lettura e buon appetito!

 

Il Gallo Pinto

La prima volta che arrivai in Nicaragua mi invitarono a cenare col famoso piatto tipico che è sempre presente, inevitabilmente in ogni vera casa nicaraguense…il Gallo Pinto!

Semplice da preparare ma pieno di fantasia, come le persone che vivono qua e vi dirò la verità: non è niente male!

L’odore di questo piatto puoi sentirlo in ogni strada, inconfondibile…presente nella colazione ma anche nella cena.

 

Cosa potresti aspettarti da questo piatto?

Potresti pensare a carne di pollo ma in realtà questo nome significa “gallo maculato” e così sembra quando vediamo i suoi ingredienti principali ben amalgamati: riso e fagioli rossi!

Spesso è accompagnato dal platano, altro “padrone di casa” in Nica…ma di lui ne parleremo più avanti.

 

Gallo Pinto
Gallo Pinto

 

In tutte le caffetterie del posto  e negli  hotel  spesso è accompagnato da formaggio tipico, la cuajada ( molto saporito.. forse un po’ salato per i miei gusti), uova strapazzate, crema di latte, platano e pane tostato. Di sicuro una colazione del genere dà la carica per un intera mattinata ed è a dir poco gustosissimo specialmente se servito nella splendida piazza di Leòn! Un rituale settimanale per me!

Affascinata dalla cucina ho subito chiesto alle mie amiche più esperte quale fosse il procedimento originale di questo piatto. E cosi è stato uno dei miei primi esperimenti in cucina appena arrivata qua.

Lo ammetto,  non sono ancora riuscita a riprodurre questo piatto alla perfezione ma la gente del posto dice che ci sono quasi.. sarà vero?!

Che ne dici, ci proviamo?

Hai una ricetta nicaraguense da suggerire? Condividi il Tweet

Ecco la ricetta del Gallo Pinto

Ingredienti ( per 4 persone)

– 400 gr. di riso

– 300 gr. di fagioli rossi

– 2 spicchi d’aglio

– 1 carota

– 1 cipolla bianca

– 1 gambo di sedano

– 1 peperone verde

Olio di semi q.b.

Sale q.b.

 

Preparazione del Gallo Pinto

La prima cosa da fare è scaldare  abbondante acqua in una pentola e quando giunge a ebollizione, salatela e buttate il riso. Cuocetelo a fuoco vivace dai 15 ai 18 minuti circa secondo la qualità.

Dopodiché scolatelo e mettetelo in una ciotola, ci servirà per il resto della ricetta.

A questo punto lavate e ponete in ammollo i fagioli secchi (dalle 8 alle 24 ore circa)…se si sceglierà di usare i fagioli precotti saltate questo procedimento.

Lessate i fagioli in acqua bollente salata, con aglio per 2 ore.

Scolate il tutto e nel frattempo sbucciate la cipolla e iniziate a tagliarla a dadini.

Mettete in padella l’olio di semi, fate scaldare e aggiungete il trito di cipolla. Rosolate fino a quando la cipolla non sarà completamente dorata.

Ora potete unire i fagioli già lessati e farli rosolare per bene, 3 minuti circa.

Prima che si asciughi l’acqua del fagiolo aggiungete il riso cotto in precedenza e mischiate il tutto a fuoco lento per più o meno 5 minuti.

Il tutto risulterà amalgamato…o quasi “maculato” insomma un vero Gallo Pinto!

Unite al tutto sedano fresco tagliato a dadini e il peperone verde.

Ed ecco a voi il Gallo Pinto! Facile no? Provare per credere!!

Se avete ancora qualche dubbio sulla preparazione del Gallo Pinto guardate il video, realizzato ovviamente in spagnolo..!

 

Cosa ne pensi del Gallo Pinto? Condividi il Tweet

 

 

Leave a Reply

avatar